My gospel article published in ‘Onda d’Urso’


Dear Barbara,
nel tuo prossimo viaggio a NY, non perderti una domenica-gospel a Harlem, meta delle comunità afro-americane e di visitatori provenienti da tutto il mondo.

Articolo di Cesare “Pumpkin” Zucca

Le messe iniziano alle 11. Riprese video e foto vietate. Sconsigliabile (e irriverente) fare i furbi. Per chi ama viaggiare in gruppo, esistono tour organizzati, tra cui harlemspirituals.com. Per chi, come te, preferisce viaggiare indipendente, basterà zigzagare per le strade e lasciarsi attirare dalla musica, sia provenga da una grande cattedrale, sia da piccoli edifici, dove le funzioni sono meno coreografiche, ma spesso più intime e coinvolgenti. Ecco le più famose.

Gospel e cibo dell'anima: una domenica ad Harlem
Gospel e cibo dell'anima: una domenica ad Harlem

New Mount Zion Baptist Church (171 W 140 St). Il suo coro gospel è considerato tra i migliori  di Harlem. Mount Neboh Baptist Church (1883 A. Clayton Powell Av) Oltre agli inni sacri, ascolterai canzoni popolari come ‘Oh Happy Day’, Abyssinian Baptist Church (132 Odell Clark Pl/W 138 St) gioiello architettonico, ma turistica e quindi lunga fila per entrare, Metropolitan Baptist Church (151 W 128 St) ospita illustri cori provenienti da altre congregazioni. La mia preferita è Greater Refuge Temple (2081 A. Clayton Powell Av). Energia alle stelle, musica trascinante, accompagnata dai tamburelli delle black ladies dagli incredibili cappellini.

Gospel e cibo dell'anima: una domenica ad Harlem

Gospel e cibo dell'anima: una domenica ad Harlem

E dopo questa full immersion di fede e musica, ti meriti un lunch soul food, la cucina afro-americana originaria del Sud degli USA. Da provare: fried chicken croccante pollo fritto, collards e turnip greens erbe amare e verdure saltate con salsa all’ aceto, black eye beans fagioli neri, cornbread, pane caldo di mais, candied yams patate dolci, grits semolino di mais tritato e pecan pie, fantastica crostata alle noci.

Gospel e cibo dell'anima: una domenica ad Harlem

Gospel e cibo dell'anima: una domenica ad Harlem

 Da accanito turista-non- turista, sconsiglio il popolarissimo Sylvia’s Restaurant (328 Malcolm X) con musica dal vivo. Meglio Amy Ruth‘s (113 West 116 St), famoso per il pollo fritto. Spoonbread (547 Lenox, 366 W 110 Street) Due locali creati dalla leggendaria Norma Arden, una delle prime modelle nere nella storia della moda. Popolarissimi (e consigliabili) i self service con ricco buffet e atmosfera locale. Tra questi Londel’s (2620 Frederick Douglas Blvd), due Jacob’s (2695 F. Douglass Blvd, 373 Lenox Ave) e quattro Manna’s (486 Malcolm X Blvd, 2353 F.Douglass Blvd, 54 E 125 St, 70 W 125 St) Prezzi popolari. Ci si serve da soli e si paga a peso. E’ lì che va la gente nera di Harlem.

Big kiss from Pumpkin

Fotografie di Cesare ‘Pumpkin’ Zucca
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s